1438600670

L’escalation nucleare della Corea del Nord, spiegata

Le tensioni nella penisola coreana sono ai massimi da anni dopo un anno senza precedenti di lanci missilistici da parte della Corea del Nord e un atteggiamento più bellicoso da parte del presidente della Corea del Sud, Yoon Suk-yeol.

Nel 2022, la Corea del Nord ha lanciato almeno 95 missili, più che in qualsiasi anno precedente, e ha lanciato un altro missile a corto raggio il capodanno di quest’anno, secondo il New York Times. I test sono il prodotto di diversi fattori, tra cui la politica interna nordcoreana, nonché il rapido ed estremo deterioramento delle relazioni diplomatiche tra il regime di Kim Jong Un e l’alleanza USA-Corea del Sud dal fallito vertice del 2019 ad Hanoi, in Vietnam, tra Kim e l’ex presidente Donald Trump.

Dall’inaugurazione di Yoon nel maggio 2022, il Sud e gli Stati Uniti hanno perseguito una strategia tit-for-tat nei rapporti con il Nord, perseguendo esercitazioni militari congiunte che il Nord considera provocatorie e persino invio di veicoli aerei senza pilota (UAV) a Pyongyang dopo uno dei droni del Nord ha ronzato Seoulcapitale della Corea del Sud.

Nonostante una risoluzione del 2018 tra Nord e Sud vietare le ostilità militari tra le due nazioninegli ultimi mesi entrambe le parti si sono impegnate in dimostrazioni di forza sempre più drammatiche che, data la mancanza di sforzi diplomatici, potrebbero aumentare la possibilità di gravi errori di calcolo e conflitti aperti da parte di entrambe le parti.

Le minacce esplicite da parte di Kim, così come l’aumento dei test missilistici, indicano una Corea del Nord interessata a proiettare una credibile capacità deterrente ea cercare di gestire l’instabilità interna. E il Sud sta prendendo una linea dura e proiettando la propria forza, a volte in contrasto con gli interessi degli Stati Uniti, il suo principale alleato militare.

Date le promesse di entrambe le nazioni di aumentare la loro capacità militare, la possibilità di pace nella penisola sembra peggiorare di giorno in giorno. Inoltre, gli Stati Uniti, che mantengono una presenza di forza nel sud, non stanno facendo abbastanza per prevenire i conflitti e incoraggiare la diplomazia per evitare problemi di comunicazione, secondo Ankit Panda, lo Stanton Senior Fellow nel Nuclear Policy Program presso il Carnegie Endowment for International Peace .

“Gli Stati Uniti dovrebbero fare di più per esprimere preoccupazioni su possibili piani e posture difensive alleate che potrebbero effettivamente aumentare i rischi di escalation”, che inevitabilmente coinvolgerebbero gli Stati Uniti.

Cosa sta pianificando esattamente la Corea del Nord?

Kim ha annunciato la scorsa settimana la sua intenzione di costruire “potenza militare schiacciante”, compreso un focus sulla produzione di armi nucleari tattiche a corto raggio per colpire il Sud, così come missili balistici intercontinentali a lungo raggio, o ICBM, in grado di raggiungere la terraferma degli Stati Uniti, tra le altre innovazioni. L’annuncio di Kim e quello di Yoon suggerimento che il Sud e gli Stati Uniti avrebbero tenuto esercitazioni congiunte sulle armi nuclearihanno messo a fuoco la minaccia nucleare.

Come Panda ha detto a Vox via e-mail, l’annuncio della politica di Kim non è esattamente nuovo, “ma più un perfezionamento di una strategia nucleare abbastanza ben articolata e costante”. Kim ei suoi predecessori hanno sempre visto il Sud e gli Stati Uniti come i loro avversari esistenziali; i nuovi annunci politici ei test missilistici rendono semplicemente le minacce nucleari del Nord più realistiche e realizzabili. “Le loro intenzioni non sono cambiate: si stanno ancora riservando il diritto di usare prima le armi nucleari per scoraggiare un attacco sul loro territorio”, ha detto Panda.

Piuttosto che un’ambigua minaccia di potenza di fuoco nucleare, il Nord sta ora investendo maggiore energia in armi nucleari tattiche che potrebbero essere utilizzate in uno scenario di battaglia o per respingere un attacco percepito dal Sud.

Maggiore attenzione su missili a combustibile solido indicano anche l’intenzione di dispiegare rapidamente i missili, poiché sono pre-riforniti e sono altamente mobili. Lo sviluppo di missili a propellente solido è stata una priorità per Kim almeno dai tempi del Partito riunione plenaria nel gennaio 2021. Kim ha tenuto una media di battuta di successo del lancio da terra di un motore a razzo a combustibile solido – che potrebbe essere utilizzato su un missile balistico intercontinentale o su un missile lanciato da un sottomarino – a dicembre.

“Hanno identificato gli ICBM a propellente solido come un focus particolare per quest’anno”, ha detto Panda, specificando che “dovremmo aspettarci di vedere test di volo di missili a propellente solido di grande diametro e forse anche ICBM a propellente solido quest’anno”.

I missili sono solo il veicolo di consegna e solo un aspetto della minaccia nucleare. L’arsenale nucleare del Nord dipende anche dalla sua capacità di sviluppare testate, il carico utile del missile.

Lo sviluppo di armi nucleari nel Nord è difficile da tracciare a causa della natura estremamente segreta (e illegale) di quel lavoro, ma i test missilistici, gli annunci di Kim e le immagini satellitari aiutano gli analisti a capire fino a che punto il regime di Kim è nella creazione di armi di massa distruzione.

Da allora il Nord non ha più organizzato un test nucleare settembre 2017, ma gli esperti hanno detto a Vox che tutti i segni indicano un settimo in qualsiasi momento – e anche un ottavo subito dopo, ha detto Panda.

Due dei principali siti nucleari del Nord lo sono Centro di ricerca nucleare di Yongbyonche dispone di un impianto di arricchimento dell’uranio, e La mia schienal’unico sito di test nucleari del paese.

Yongbyon continua a essere operativo, ha detto a Vox Joseph Bermudez, presidente della Corea presso il Center for Strategic and International Studies. “Vediamo vagoni ferroviari che entrano ed escono, vediamo la demolizione di diversi edifici e lavori per l’aggiornamento di altri edifici, vediamo attività dentro e intorno ai reattori e anche dentro e intorno all’impianto di centrifuga”, ha detto, ma senza immagini termiche, è impossibile dire cosa significhi quell’attività.

Per quanto riguarda Punggye-ri, il sito di test, “è stato sostanzialmente silenzioso negli ultimi due mesi”, ha detto Bermudez. Tuttavia, i governi degli Stati Uniti e della Corea del Sud hanno indicato di ritenere che un test nucleare potrebbe aver luogo “in qualsiasi momento in cui Kim Jong Un decide di farlo”, ha detto, aggiungendo che le immagini dell’inizio della settimana “mostrano tracce nella neve che indicano la circolazione dei veicoli”.

“Crediamo che qualcuno stia controllando”, anche se data la posizione della struttura – uno degli ingressi è protetto da un ripido pendio di montagna e dall’angolo del sole – è difficile dire chi e cosa sta entrando e uscendo. Il Nord tende anche a spostare attrezzature e veicoli sotto la copertura nuvolosa e al buio, oscurando ulteriormente tali movimenti agli osservatori esterni.

Bermudez ha valutato che il Nord “non sta solo convalidando i progetti missilistici, ma probabilmente li sta perfezionando” e ripetuti test missilistici indicano “nuovi sistemi in arrivo e distribuiti alle unità”.

Tuttavia, per Kim usare un missile nucleare o organizzare un’invasione del sud sarebbe una condanna a morte, sia per i suoi militari che per il suo regime. E l’aumento dei test missilistici e dell’attività attorno agli impianti nucleari può fornire solo informazioni limitate sulle effettive capacità del Nord.

Ma anche la paura che una Corea del Nord dotata di capacità nucleare instilla nei suoi avversari ha uno scopo; nonostante tutti i test e le parate, l’arsenale nucleare di Kim è più avanzato di quanto non sia mai stato, ma è tutt’altro che completo. Ciò che Kim sta mettendo in mostra potrebbe non funzionare ancora militarmente, “ma certamente ha il potenziale per funzionare coercitivamente”, ha detto Bennett.

L’escalation nucleare nella penisola ha tanto a che fare con la politica interna quanto con gli affari esteri

Kim probabilmente si sente diffidente nell’impegnarsi in diplomazia con gli Stati Uniti o la Corea del Sud a causa del rottura spettacolare dei colloqui di pace con l’ex presidente Donald Trump, secondo Toby Dalton, co-direttore del Nuclear Policy Program presso la Carnegie endowment for International Peace ha detto a Vox in una precedente intervista. Quel processo si è concluso con un umiliante fallimento ad Hanoi, in Vietnam, quando Trump ha cercato di spingere per la piena denuclearizzazione in cambio della fine del regime di sanzioni punitive che gli Stati Uniti hanno costruito nel corso dei decenni.

“[Kim] ha preso dei rischi in termini di collegio elettorale nazionale in termini di perseguimento di quella diplomazia – e poi è andato in pezzi e penso che ne fosse imbarazzato “, ha detto Dalton. Dal punto di vista del Nord, “non sono disposti a fidarsi della Corea del Sud o degli Stati Uniti per impegnarsi nella diplomazia”, ​​ha detto a Vox, e le parti coinvolte non sono nemmeno d’accordo su quale sarebbe il risultato di quella diplomazia.

“Non sorprende che le dinamiche intercoreane siano così tese come lo sono in questo momento”, ha detto Panda. “Abbiamo visto questo schema svilupparsi sotto i precedenti governi guidati dai conservatori a Seul. Detto questo, il [North’s] i piani di sviluppo delle armi sarebbero probabilmente proseguiti come hanno fatto indipendentemente dall’esito delle elezioni sudcoreane del 2022″.

La politica interna, soprattutto al Nord, favorisce una risposta muscolare, almeno agli occhi di Kim e Yoon.

Nel nord, ad esempio, “anche le élite hanno problemi”, secondo Bruce Bennett, ricercatore presso la RAND Corporation. Secondo quanto riferito, alcuni membri della leadership e della cerchia ristretta di Kim sono stati epurati; “[Kim’s] è stato piuttosto brutale, e non è stato solo con la gente comune, è stato anche con le élite. Le lotte interne, come la costante carenza di carburante e cibo, rappresentano una seria minaccia per la leadership di Kim, e in un governo autoritario, l’unico modo per affrontare la lotta interna è dare la colpa a un nemico esterno.

“Di cosa ha bisogno Kim per gestire la sua instabilità interna? Ciò di cui ha bisogno è sembrare potente”, da qui la retorica intensificata sia da lui che da sua sorella e consigliera, Kim Yo Young. Test, minacce e parate militari aiutano l’élite a pensare: “Wow, siamo potenti, [Kim] è un buon leader, ci sta rendendo potenti”, ha detto Bennett, allentando la pressione sullo stesso Kim.

La Corea del Sud non sta affrontando gli stessi problemi interni; ha il sostegno degli Stati Uniti e un forte esercito ed economia. I sondaggi dell’opinione pubblica lo indicano I sudcoreani potrebbero guardare alla Cina – non il Nord – come il loro principale avversario in futuro. Tuttavia, Yoon ha perseguito una tattica “forza per forza”, in contrasto con la ricerca di concessioni e conciliazione da parte dell’ex presidente Moon Jae-in per raggiungere un risultato negoziato. Sebbene la risposta di Yoon possa assicurare ai sudcoreani che sono difesi dal nord, non fa molto per scoraggiare Kim, ha detto Bennett.

“[Kim] sembra stia cercando di dividere l’alleanza USA-ROK” al fine di isolare il Sud e dimostrare una qualche forma di dominio sulla penisola puntando esplicitamente su armi a corto raggio che possono raggiungere solo il Sud e missili balistici intercontinentali che sarebbero utili solo contro il Stati Uniti, disse Bennett.

Le affermazioni di Yoon secondo cui gli Stati Uniti e il Sud stavano discutendo di esercitazioni nucleari congiunte sono un “buon esempio di dove un alleato potrebbe anticipare il punto in cui gli Stati Uniti sono pronti ad andare”, ha detto Panda. L’amministrazione Biden è concentrata sulla riparazione delle sue relazioni con gli alleati dopo “il trattamento atroce che gli alleati degli Stati Uniti hanno subito per mano dell’amministrazione Trump”, ha detto Panda, ma questo approccio potrebbe ritorcersi contro.

Piuttosto, Biden dovrebbe essere più esplicito con gli alleati regionali, incluso il Giappone, che è perseguire la rimilitarizzazione dopo decenni di spese minime per la difesa, su quali siano i limiti e le intenzioni degli Stati Uniti riguardo al Nord. Altrettanto cruciale, gli Stati Uniti e gli alleati devono perseguire i canali diplomatici per cercare di ridurre il rischio di problemi di comunicazione e di calcoli errati mentre ciò è ancora fattibile.

“Voglio dire che c’è sempre spazio per la diplomazia”, ​​ha detto Bermudez, ma data la situazione, “sembra che quella stanza sia molto stretta”.

Kim Jong Un

Il leader nordcoreano Kim Jong Un presiede il lancio di un missile balistico intercontinentale il 24 marzo 2022.API/Gamma-Rapho tramite Getty Images