1671756981 origin 1

Il meglio della letteratura: i migliori consigli sui libri per questo Natale

origin 1La nostra selezione personalizzata di libri per il 2022 ©Getty Images

Hai sistemato tutti i tuoi regali di Natale?

Non mentire. Come molti di noi acquirenti dell’ultimo minuto, è sempre una folle corsa per comprare gli ultimi regali rimasti per la stagione sciocca.

Mancano solo 4 giorni a Natale e i libri sono sempre una buona idea se l’ispirazione non colpisce. Quindi, ecco la nostra utile guida personalizzata al meglio che il 2022 ha da offrire in termini di letteratura.

Per il tuo amico che è terminale online

origin 1Scorched EarthVerso Books

Terra bruciata: oltre l’era digitale verso un mondo post-capitalista

“Se c’è un futuro vivibile e condiviso sul nostro pianeta, sarà un futuro offline”.

Così inizia il saggio di Jonathan Crary “Scorched Earth”. Descrivendo i pericoli dell’era digitale, Crary dipinge l’immagine di un mondo in cui la vita quotidiana è stata regolata da una serie di algoritmi e ogni interazione sociale è monetizzata. In questo scenario infernale l’ambiente sta morendo e gli standard di vita stanno precipitando mentre una classe di miliardari rastrella sempre più denaro a nostre spese.

Non farà nulla per porre fine alle ansie striscianti in stile Black Mirror che hai che tutto stia andando terribilmente storto.

Secondo Crary, dobbiamo trasformare l’era digitale in una nota a piè di pagina della storia umana, creando un nuovo mondo offline se vogliamo che la razza umana abbia una speranza di sopravvivenza.

Come facciamo questo? Dovrai leggere il libro, ma avviso spoiler: comporta la disconnessione da Twitter. Alla luce eventi recentipotrebbe non essere una cosa così negativa. Tim Gallagher

Per l’amante della musica esigente nella tua vita

origin 1L’edizione aggiornata del 2022 dei 500 migliori album di tutti i tempi di Rollig StoneRolling Stone

Rolling Stone: i 500 migliori album di tutti i tempi

Come si confronta l’album “1989” di Taylor Swift con “A Love Supreme” di John Coltrane e “Abbey Road” dei Beatles? Se queste domande ti tengono sveglio la notte, non cercare oltre: il libro dell’edizione 2022 di Rolling Stone recentemente aggiornato I 500 migliori album di tutti i tempi ha alcune risposte.

Come viene curato questo elenco, ti sento chiedere? Ebbene, gli editori del libro hanno contattato 500 personaggi del mondo della musica, tra cui Beyonce, Nile Rodgers, Herbie Hancock e Billie Eilish, e hanno chiesto loro i loro 50 migliori album. Rolling Stone ha ricevuto 4000 album in totale e li ha ridotti a 500.

Pur offrendo un commento critico unico su ciascuno degli album, il libro racconta anche le storie di come sono stati realizzati, oltre a mostrare splendide fotografie e materiale di interviste d’archivio.

Non solo questo sarebbe un regalo di Natale perfetto per tutti gli appassionati di musica della tua vita, che cercano di ampliare il proprio ambito di ascolto, ma anche per chiunque ami un buon libro da tavolino! Teo Farrant

Per la persona che cerca un’esperienza letteraria trascendente

origin 1Faith, Hope and Carnage – pubblicato nel settembre 2022Farrar, Straus e Giroux

Fede, speranza e carneficina

Se sei a conoscenza della padronanza del linguaggio di Nick Cave, della sua natura premurosa, nonché del dialogo continuo che ha con i suoi fan attraverso il suo forum aperto, i Red Hand Files, dovresti avere un’idea di quanto sia intimo, devastante e in definitiva edificante questo libro sarà.

Composto da dialoghi che Cave ha avuto con il giornalista irlandese Seán O’Hagan (oltre 40 ore di interviste organizzate in un formato di domande e risposte), le conversazioni sincere in “Faith, Hope and Carnage” si concentrano su arte, creatività, religione, dipendenza, isolamento, come la vulnerabilità crea “invincibilità” e la vita di Cave dopo la morte accidentale di suo figlio Arthur nel 2015. Il libro è stato completato prima che si verificasse un’altra tragedia personale: la postfazione spiega che Cave ha perso un altro figlio, il 31enne Jethro, nel maggio 2022, e il libro è un’indicazione del motivo per cui l’artista non si è e non può chiudersi al mondo.

Le sue meditazioni disarmanti sulla speranza (“la speranza è ottimismo con il cuore spezzato”) e sul dolore (“Ci fa delle richieste. Ci chiede di essere empatici”) non sono solo per i fan di Nick Cave e dei Bad Seeds; né questo libro è un libro di memorie o un affare completamente cupo. È un balsamo, spesso caratterizzato dal buffo senso dell’umorismo di Cave. Ma soprattutto, ‘Faith, Hope and Carnage’ è una raccolta profondamente ponderata di elucubrazioni su cosa significhi essere vivi. Il lettore emerge dalle sue pagine con un senso di umiltà ma anche di grande empatia; e per questo, dovremmo essere molto grati. Certamente lo ero, ed è senza dubbio il mio libro preferito dell’anno. David Mouriquand

Per il tuo amico a cui piace il greenwashing

origin 1Il valore di una balenaBlackwells

Il valore di una balena

Un altro anno, un altro passo verso il disastro climatico irreversibile… Ma cerca di non essere negativo, ok?

I tuoi amici ordinano latte macchiato di avena e acquistano compensazioni di carbonio per la loro terza mini-vacanza dell’anno mentre i politici del mondo fanno un altro accordo “storico” per fermare il cambiamento climatico… Ma in qualche modo le emissioni di carbonio non si stanno riducendo. Come, affatto.

In “The Value of a Whale”, Adrienne Buller smonta l’idea del capitalismo verde e sottolinea le carenze dell’utilizzo delle stesse forze di mercato che causano il cambiamento climatico come soluzione. Buller espone la mentalità coloniale intrinseca dei mercati del carbonio e i problemi di inquadrare il cambiamento climatico come una questione economica; è una lettura essenziale per chiunque pensi che piantare un albero compenserà le loro retate di Shein. Tim Gallagher

Per la persona che cerca di scendere in una fossa di disperazione

origin 1A ParadisePenguin Random House

Al paradiso

Il tomo di Hanya Yanagihara del 2015 “A Little Life” è stata la definizione di successo inaspettato. Il romanzo di oltre 800 pagine segue quattro amici che vivono a New York. Come tutti gli altri, il libro di Yanagihara mi ha devastato. La rappresentazione del tumulto interiore ed esteriore del suo personaggio principale è così viscerale che c’è stato un contraccolpo definendolo porno tortura. Potrebbe essere o meno un’accusa giusta, ma il risultato per me è stata comunque una delle esperienze più emotivamente strazianti che ho avuto da quasi tutti i romanzi di sempre.

Naturalmente, ero eccitato per il seguito di Yanagihara. È arrivato nella caratteristica forma di un fermaporta, con oltre 700 pagine. Questa volta, però, Yanagihara non aveva solo un romanzo. “To Paradise” di quest’anno erano tre romanzi tutti collegati da un unico indirizzo a Washington Square, New York.

Ambientati in tre secoli, i romanzi esplorano le vite degli abitanti degli indirizzi negli anni 1893, 1993 e 2093. E… le prime due parti erano una specie di disastro. Per quanto questa sia una raccomandazione dei migliori libri dell’anno, sarebbe falso fingere che le prime 300 pagine circa siano in realtà così belle. Vanno avanti tra la fine del XIX e il XX secolo e raccontano belle storie, ma non portano la cataclismica misantropia con cui Yanagihara si è fatta un nome in “A Little Life”.

E poi arrivi al terzo romanzo. Ambientato nei cento anni successivi, racconta la storia di come New York sia precipitata in una distopia di infinite pandemie, implacabili cambiamenti climatici e insopportabile controllo del governo. La disperazione armata di “A Little Life” si è concentrata sulla distruzione di un singolo uomo immeritevole. In “To Paradise”, Yanagihara offre lo stesso trattamento, ma questa volta per tutta l’umanità nel prossimo secolo. La sua visione del nostro futuro è desolante, ma a differenza di altre distopie, questa si sente pienamente realizzata per un potenziale futuro che non possiamo fare a meno di evitare. Se Yanagihara ha anche solo leggermente ragione nelle sue previsioni, allora l’unico posto in cui stiamo sicuramente andando non è il paradiso. Jonny Walfiz

Per la persona che gioca al passo con il Nobel

origin 1L’EventFolio

**L’evento
**

L’autrice francese Annie Ernaux ha vinto quest’anno il premio Nobel per la letteratura “per il coraggio e l’acutezza clinica con cui scopre le radici, gli straniamenti ei vincoli collettivi della memoria personale”. Il che è un modo elegante per l’Accademia svedese di dire che è una scrittrice dannatamente brava che dovresti conoscere, meglio tardi che mai.

Anche il riconoscimento conferito a Ernaux, 82 anni, non poteva essere più tempestivo, soprattutto in un anno in cui la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rovesciato Roe v Wade e riportato indietro di decenni la società – per citare uno dei tanti attacchi alle libertà sessuali e riproduttive di donne quest’anno.

I libri di Ernaux presentano spesso ritratti intransigenti di incontri sessuali, aborto e malattia, in uno stile che descrive come “scrittura piatta” (“piastra ecriture”), offrendo una visione molto obiettiva degli eventi che sta descrivendo, non modellati da descrizioni floride o emozioni travolgenti .

Mentre ci sono molti libri da consigliare nella sua opera, uno imperdibile è il suo romanzo autobiografico bestseller ‘L’Événement’ (‘Happening’ – 2000). Scritta nel suo inconfondibile stile grezzo, tira indietro il sipario sulle leggi francesi sull’aborto (quando l’aborto era ancora illegale in Francia, fino all’approvazione della legge liberalizzata nel 1975) e sulle terribili conseguenze che comportavano. Non solo descrive come è quasi morta dopo aver trovato un abortista clandestino, ma usa il tema dell’aborto per dipingere un quadro degli atteggiamenti della società nei confronti delle donne della classe lavoratrice. È un pezzo di scrittura fondamentale e, come l’adattamento cinematografico \- che ha vinto il Leone d’Oro a Venezia nel 2021 – non inciampa mai nella didattica. Ernaux afferma in modo semplice ma vitale che le libertà sono state negate alle donne e che rimuovere il diritto di scelta di una persona equivale alla follia.

Il libro potrebbe essere stato pubblicato 22 anni fa, ma rimane di un’attualità deprimente e una lettura vitale nel 2022. David Mouriquand

Per quelli mancanti Hillary Mantel

origin 1Oltre BlackBlackwell

Oltre il nero

Quest’anno il mondo ha perso probabilmente uno dei suoi più grandi autori viventi: Hillary Mantelli.

Mantel era meglio conosciuta per la sua serie “Wolf Hall”, vincitrice di numerosi premi Booker, e questo, insieme al suo lavoro sulla rivoluzione francese, “A Place of Greater Safety”, significa che molti pensano a lei come alla donna che ha rinnovato il genere della storia finzione.

Al di fuori di questo genere, Mantel era una saggista di talento, con il seminale “Some Girls Want Out: Spectacular Saintliness” che circolava alla sua morte. Il realista magico di Mantel “Beyond Black”, la storia di una medium che combatte il trauma infantile, è una lettura obbligata in termini di lavoro precedente e offre una commovente meditazione sulla memoria, il dolore e la solitudine.

Il libro assume una nuova dimensione alla luce della morte dell’autrice, mentre le lotte della protagonista con il proprio corpo sono in sintonia con la storia della vita di Mantel. Tim Gallagher

Per i cinefili a cui piace mangiare ciò che guardano

origin 1Mangia quello che guardi: un libro di cucina per gli amanti del cinema di Andrew ReaDovetail

Mangia quello che guardi: un libro di cucina per gli amanti del cinema

Sto barando un po’ con questo, dato che non è stato rilasciato quest’anno. Tuttavia, nessun libro si è mai avvicinato a catturare le gioie unite del cinema e della cucina come “Eat What You Watch: A Cookbook for Movie Lovers” di Andrew Rea, autore di cinefili e cuochi. È il libro perfetto se hai mai visto un piatto sullo schermo che ti ha lasciato con un desiderio enorme e brontolante. E fa per un regalo di Natale scoppiettante. È così che ho avuto la mia copia.

Rea è l’uomo dietro il brillante Binging con il canale YouTube di Babish e noto per le sue ricreazioni di pasti e snack popolari da film e TV. Con questo libro di ricette, si rivolge sia agli appassionati di cinema che ai praticanti delle oscure arti culinarie, e si assicura che chiunque possa preparare a casa quei deliziosi pasti sul grande schermo.

Con più di 40 ricette tratte da film classici e cult, scritte in modo succinto e accurato in un pratico modo passo dopo passo in modo che anche il più principiante dei cuochi non possa sbagliare troppo, troverai trucchi di cucina e versioni migliorate della ricetta. Rea ha rilasciato anche una versione più lunga – ‘Binging With Babish: 100 ricette ricreate dai tuoi film e programmi TV preferiti‘ – se desideri fare un ulteriore passo avanti.

Quindi, se vuoi preparare il famigerato sandwich Moistmaker di Friends, sei curioso di sapere se puoi (e dovresti) affettare l’aglio con una lama di rasoio e frullarlo nella salsa di pomodoro come in Bravi ragazziasso Ratatouille ‘s ratatouille (o più precisamente: Confit Byaldi, sporchi pagani) o preparare l’ormai iconico piatto Ram-Don da Parassitaquesto libro è un must. David Mouriquand